giovedì 27 agosto 2009

Piante contro zombie.


Piante contro zombie (Pop Cap Games) è uno di quei giochi che non dovreste mai installare sul vostro PC (o sul vostro Mac) se non volete veder svanire immediatamente ore e ore della vostra giornata.

La trama è semplice lineare: tra casa vostra e un'orda di zombie c'è solo il vostro giardino e 49 tipi di semi da piantare per respingere gli affamati non-morti con stranezze botaniche che vanno dalla spara-piselli gelati fino ad arrivare alla pianta carnivora divora zombie.
Le piante si alimentano di raggi solari che dovrete raccogliere per poter ottenere nuovi semi da piantare. Gli zombie rappresentano quel nemico lento e inesorabile che fa del gran numero e dell'ostinazione la sua forza, l'avversario più temibile quando la partita si gioca tutta sulla gestione delle proprie risorse.

Quello che ha creato Pop Cap (che i tossici da casual game probabilmente conosceranno già per Bejeweled) è un meccanismo divertente e colorato che prende il giocatore fin dalla prima partita, un tower defense game che fa delle piccole variazioni (le nuove piante, i nuovi tipi di zombie, l'alternarsi di giorno e notte –con quello che ne consegue per il discorso dei raggi solari– e il variare delle condizioni atmosferiche) il motore perfetto attraverso il quale convincervi sempre a una nuova partita.
L'omaggio all'immaginario Romeriano da parte del creatore del gioco George Fan è palese nel titolo di lavorazione del gioco (Lawn of the Dead), poi trasformato nel più innocuo Plants vs. Zombies per problemi di copyright (che esista davvero già un "Il prato dei morti viventi"?)

La demo (1 ora di gioco) lo scaricate da QUI. Dopodichè, bastano 19.95 euro per accedere al resto del gioco.

2 commenti:

Andrea ha detto...

Potrebbe diventare il mio passatempo preferito...

Andrea ha detto...

Ecco... lo sapevo... ora E' diventato il mio passatempo preferito (dopo il narcisistico aNobii).
Non devo farlo scoprire a Riccardo!

(gracias!)